EsamePerito.it

Home » Senza categoria » La seconda prova d’esame: la perizia. Ecco un’altra traccia del 2012 (Versione D – Renault Clio)

La seconda prova d’esame: la perizia. Ecco un’altra traccia del 2012 (Versione D – Renault Clio)

Annunci

Dopo aver pubblicato la Versione B della seconda prova d’esame (la relazione peritale scritta) che chiedeva di stimare un danno ad un’Audi A 6, siamo lieti di pubblicare un’altra delle tracce proposte all’esame 2012, che chiede invece di stimare un danno su una Renault Clio.

Di seguito trovate quanto contenuto in questa traccia.

20120711_180737

 

 20120711_180732

20120711_180726

20120711_180720 

 

 

 

 

Annunci

152 commenti

  1. Luca ha detto:

    Scusa Raimondo ma tu nella tua perizia hai messo il paraurti ant. Evidentemente danneggiato nell’urto ma vorrei far presente che nelle foto non si ha nessuna documentazione inerente al paraurti quindi io personalmente farei riserva in attesa di visionare altre foto

    Mi piace

  2. Nicola ha detto:

    Luca, ma riserva di cosa? Fai queste considerazioni su “base certa” non dove è evidente che il paraurti è danneggiato, non rischiare inutilmente. Le riserve devi farle sui pezzi che effettivamente non riesci a vedere dalle foto, non dove almeno in parte si vede. Un urto anteriore, dove sostituisci il cofano anteriore calandra alta e bassa + il radiatore, come fa a rimanere integro questo parauti? Ripeto, tra l’altro è anche ben visibile che è tutto spaccato.

    Mi piace

  3. paolo ha detto:

    faccio una domanda a tutti e in special modo a chi ha gia sostenuto l’esame,per quanto riguarda la prima prova quali saranno secondo voi le domande che sicuramente troveremo,cioe le cose piu importanti che quasi con certezza verranno chieste…….GRAZIE

    Mi piace

  4. Raimondo ha detto:

    X Nicola: Certamente mi sei stato di aiuto; sul liquido refrigerante non ci ho neppure pensato sinceramente, effettivamente, inserire in perizia il liquido non incide sui numeri della perizia stessa, ma fa capire chiaramente alla commissione che il candidato sà realmente come và riparato quell’elemento.
    In merito alla convergenza, o sulla gomma tagliata, credo sia un pò un azzardo inserirla in perizia, non perchè non sia potenzialmente possibile anzi è verosimile…ma non con la documentazione fotografica fornita, appunto per il discorso che facevi tu sulle “congetture”. Personalmente non andrei al di fuori di quello che vedo sulla documentazione fotografica, non perchè non credo ci possa essere, ma solo perchè così facendo sarei sicuramente più esposto ad errore. Certo se ci fosse nella documentazione fotografica una foto con una gomma tagliata o con dei segni , o una dichiarazione che il veicolo in movimento presenta delle anomalie di stabilità, o qualcosa del genere, che possano ritenere giustificabile un controllo sulla convergenza, allora sarebbe la documentazione stessa ad indicarti che la convergenza và fatta. Ripeto personalmente a mio modesto parere, credo sia più opportuno limitarsi a giudicare/periziare su quello che abbiamo, senza fare congetture di nessun tipo che rischiano di portarti ad errare.
    A limite si potrebbe porre riserva nelle valutazioni.
    Comunque, grazie mille per tutto quello che hai scritto in questi giorni, mi sento un pochino più sicuro nell’affrontare la seconda prova.Speriamo bene.

    X Fabio: ovviamente saprai che assegnando la sfumatura, per i tempi, dovrai fare riferimento al tabellario di VE Lieve ed assegnare un tempo che rientri nei limiti da x a y; assegno una sfumatura più significativa ai parafanghi anteriori perchè la sfumatura stessa interesserà una buona porzione (quasi la metà della superficie se non di più) dei parafanghi stessi, dunque anzichè assegnare un valore vicino ad x ritengo più opportuno assegnare un valore vicino ad y (ovviamente sempre riferito al range di LA lieve) vistò l’entità della sfumatura (appunto più significativa). Per gli sportelli invece assegnerò un valore più vicino ad “x” in quanto l’intervento di sfumatura interesserà una porzione ridotta di superficie dello sportello stesso, (per questo meno significativa). Spero di esser stato chiaro.
    X Luca, a dire il vero c’è una foto in cui mi sembra abbastanza evidente la necessità di sostituire il paraurti.

    Mi piace

  5. Raimondo ha detto:

    X Nicola:

    A proposito, in merito alla tua perizia sull’Audi A6:

    – Intanto hai dimenticato di citare fra le sostituzioni il cofano anteriore, che comunque, sotto dici che è necessario sostituire.

    – Poi fra le sfumature hai indicato Porta ant. dx, ma credo ti riferissi alla sx in realtà.Giusto?

    – Sono d’accordo con te in merito alle sostituzioni, ma volevo chiederti, sostituendo anche il cofano (che naturalmente verrà anche verniciato) non è necessaria la sfumatura anche del parafango dx??e FORSE dico FORSE anche della porta ant dx???

    Io ho provato a fare una perizia, un pò “azzardata” nella sezione relativa,cioè qui:

    http://esameperito.altervista.org/la-seconda-prova-desame-la-perizia-ecco-la-traccia-del-2012/#comments

    Se puoi gli dai un occhiata. grazie.

    Mi piace

  6. filipp ha detto:

    Ragazzi la tenzione sale!!!! 😉

    Mi piace

  7. paolo ha detto:

    Ciao,vorrei fare una precisazione sulla perizia della clio fatta da Raimondo,parla di radiatore e Nicola ricorda la dimnenticanza del liquido,lefoto non sono molto chiare ma a me sembra il radiatore a/c quindi aggiungerei la ricarica a/c .
    Aggiungerei inoltre le staffe lat. Delparaurti che sicuramente considerando che si e strappato sono danneggiate,poi aggiungerei sicuramente la serratura cofano + riscontro serratura e lo stemma che e evidente che manca.
    Considerando poi la grave deformazione del cofano non sottovaluterei la sostituzione delle cerniere(come in questo caso potrebbe essere corretto fare una riserva per eventuali ricambi che potrebbero essere da sostituire magari scrivendo che la perizia e stata redatta su documenazione fotografica? Scrivendola sempre nelle note?) dlla foto non si capisce bene comunque considerando l’urto non sottovaluterei che i supporti dei proiettori non siano danneggiati)
    Non sono pero d’accrodo sulla sfumatura delle porte ant.mi sembra eccessivo,direi che la sfumatura dei due parafanghi sia corretta…correggietemi se sbaglio
    Guardate il mio posto sopra che riguarda le principali domande……magari ci aiutiamo un po tutti
    Ciao

    Mi piace

  8. paolo ha detto:

    Ragazzi scusate ma chiedo ancora un ultima consulenza credo comunque interessi ovviamente a tutti,per quanto riguarda la stesura della perizia se dovesse capitarci la sostituzione di lamierati contigui,vi faccio u esempio sotto:
    SOSTITUZIONE COFANO + PARAFANGO DOVE LA LATTONERIA DEL COFANO E 0,8 E PARAFANGO 1,8
    DEVO APPLICARE DETRAZIONE DI 0,2 IN QUANTO LAMIERATO AGGIUNTO CONTIGUO
    Tempo 0.8+1.8-0.2 =2.4
    Questa detrazione e giusta riportarla in fondo alla perizia con la voce detrazione per parti in comune o semplicemente sulla riga del cofano al posto di mettere la0.8 mettere 0,6 elasciare invariato il tempo di la delparafango?
    grazie

    Mi piace

    • mauro ha detto:

      IO NON SCRIVEREI TROPPO COSE,PER IL SEMPLICE FATTO CHE SECONDO ME E HA DETTA DI ALTRI MEGLIO NON ANDARE A CERCARE L’ERRORE.
      LA PERIZIA DEVE ESSERE BEN FATTA E DI FACILE LETTURA PERCHE’ CHI ANDRA’ A CORREGGERE NON DEVE TROVARE L’APPIGLIO PER SEGNARE ERRORE….

      Mi piace

  9. Francis ha detto:

    X RAIMONDO: io invece credo che la convergenza non sia affatto azzardata, infatti si tratta di un controllo che si fa per vedere se la sospensione abbia subito danni; da quello che scrivi tu io vedrei azzardato mettere in perizia una parte della sospensione….

    X PAOLO: i tempi contigui ci vengono forniti con il tempario e con il prezziario dunque basta che guardi lì; per quanto riguarda quello che devi scrivere in perizia la cosa più giusta è indicare nella prima riga “Aggregato composto da:” e nella seconda ad es. “Cofano” e nella riga sotto “Parafango”……i tempi li indichi nella prima riga dove hai scritto “Aggregato ecc ecc.”….ok?

    Mi piace

  10. filipp ha detto:

    Quelo sollevato da paolo sui tempi in comune mi sembra davvero un bel argomento da prendere.. un GRAZIE PER CHI CI CHIARISSE UN PO LE IDEE

    Mi piace

  11. Nicola ha detto:

    Cia ragazzi, si Raimondo, hai ragione, scusa le dimenticanze, ovviamente parlavo della porta ant. sx ;-).
    Paolo, credo tu abbia ragione sul radiatore, cisì come se vuoi aggiungere altri particolari (non visibili in nessuna foto), ma probabile che siano danneggiati, come per esempio la serratura del cofano,per questo invito a non avere fretta, ma a fare le cose con calma.
    Devo parzialmente correggerti sul calcolo dei materiali contigui. Se parli dell’Audi, non si applica, in quanto la sotituzione del cofano+parafango, non rientra negli aggregati. Mentre rientra tra questi, se si aggiunge il rivestimento interno anteriore. Non ho il tempario della Clio, non posso dire cosa prevede.

    Mi piace

  12. Francis ha detto:

    X FILIPP: io vorrei volentieri cercare di aiutarvi riguardo ai tempi contigui, dimmi solo cosa vorresti sapere di preciso!!

    Mi piace

  13. ANDREA ha detto:

    buongiorno a tutti, sono nuovo del post….io quest’anno è la 4 o 5 volta che faccio l’esame, non ricordo bene, per cui, data l’esperienza volevo dare un consiglio a tutti gli aspiranti periti che devono sostenere l’esame: rispondete solo alle domande dove siete certi della risposta, basta anche3 rispondere a 50/55 domande tutte corrette o nel caso con due o tre errori e le altre le lsciate in bianco, la prima prova è certamente superata, io gli anni scorsi ho voluto strafare e sono ancora qui.
    Per quanto riguarda la perizia consiglio di stamparvi i modelli in bianco presso gli studi dove svolgete il tirocinio e di farne una montagna, esercitarsi anche con le moltiplicazioni e divisioni (fatele a mano, no calcolatrice, non è consentito all’esame) – io ho anche utilizzato questo sistema: mi sino stampato una perizia finita ed a ritroso mi sono trovato le soluzioni.
    Auguri a tutti ed anche a me ovviamente.

    Mi piace

  14. paolo ha detto:

    ciao Andrea! dire di non rispondere mi sembra un azzardo anche perche’ uno puo avere la convinzione della risposta(magari sbagliata) e non mettere nulla e difficile solo per un dubbio magari tra due risposte.
    dato che e’ diverse volte che provi magari tu puoi rispondere al post che ho messo sopra cioe se possono esserci delle domande che di sicuro troviamo,sto ovviamente parlando non dell’intera prova ma sicuramente una decina di domande piu importanti ci saranno quasi sempre magari in forma diversa ma sostanzialmente quelle ciao

    Mi piace

  15. paolo ha detto:

    Ciao Francis,grazie della tua disponibilita’ se puoi darci delle lucidazioni(mi riferisco a lui perche si e’ proposto di aiutarci ma i consigli sono ovviamente accettati da tutti;-) io faccio un po di confusione sull’applicazione o meno della detrazione sui lamierati contigui.
    Io ho un vecchio prontuario dei tempi di riparazione e di sostituzione di carrozzeria e meccanica autovetture ANNO 2001,c’e’ una sezione all’inizio TEMPI DI SOSTITUZIONE DI PIU LAMIERATI ESTERNI e dice:per le operazioni di sostituzione che interessano uno o piu’ lamierati esterni contigui non conteplati nel prospetto dei lamierati contigui SEC( che sarebbero i tempi aggregati dei lamierati) i tempi di lavoro riportati nel manuale relativi ai singoli lamierati e definiti tempi assegnati non possono essere sommati aritmeticamente poiche’ nell’intervento riparativo si contempla un tempo diretto e un tempo indiretto,convenzionalmente pertanto verra detratto per ogni songolo lamierato non saldato aggiunto il tempo di ore 0,2 dalla voce LA.
    A questo punti ti chiedo: se vado a sostituire due porte contigue nel tempo LA tolgo 0,40? Se si e sufficiente che questo tempo lo tolgo dalla lattonerie sulla riga del ricambio senza dove specificare che l’ho fatto? o posso scrivere in fondo alla perizia dopo l’elenco ricambi e riparazioni “detrazione per parti in comune e aggiungere il tempo”?
    Se invece le due porte contigue sono da riparare questo tempo non deve essere tolto giusto? Ed a proposito ti dico che ho provato a controllare con il software dello studio dove lavoro e se in un autovettura vado selezionare la riparazione dell’intera fiancata di qualsiasi autovettura per esempio 5 porte per ogni singolo ricambio( non sostituito ma riparato) dal totale toglie 0.20 cad,quindi mi vedo togliere con al dicitura operazione per parti in comune 0.80 mentre dal prontuario si parla di sostituzione di lamierato esterno non saldato e non si parla che la detrazione viene fatta sulla riparazione e addirittura l software la calcola anche sui lamierati saldati,stesso discorso lo fa se seleziono la sostituzione dei lamierati.
    Da software a manuale ora mi e sorto questo dubbio!!
    Quindi se avessi la porta ant. Da riparare,la post. Da sostituire ed l parafango da riparare questa detrazione non c’e’ visto che il lamierato esterno non saldato da sostituire e solo uno giusto?
    Se qualcuno mi da delle precisazione ringrazio anticipatamente.
    Lo stesso discorso e per i particolari in cui il prontuario dice di aggiungere dei tempi come per esempio: 0.50 alzacristallo elettr. Chiusura centralizz 0.30 retrovisore regolazione elett 0.30 ecc ecc sicuramente gli esperti sapranno di che sezione parlo epr evitare di elencare tutti i ricambi dove il tempo va aggiunto,il trafiletto e chiamato TEMPI DI SOSTITUZIONE DI SNGOLI LAMIERATI ESTERNI, anche qui sorge il dubbio se applicarli se vi e la sostituzione di un unico lamierato o se da applicare su ogni lamierato..mah! purtroppo queste domande non tutti i periti assicurativi ti sanno esattamente rispondere visto che con l’utilizzo di software a queste cose non fanno nemmeno piu caso!

    Un ultima cosa che non riguarda quanto sopra….quando mi trovo a sostituire una porta con la modanatura non danneggiata,meglio non inserirla come sostituzione? Come saprete alcune modanatura quando tolte non sono piu riutilizzabili ma per noi sara’ difficile saperlo in base all’auto che ci daranno,poi ovviamente in certe carrozzerie vedi di tutto,magari l’incollaggio con la colla vetri di modanature tecnicamente da sostituire ma questo a noi non interessa,quello che volevo sapere appunto e come comportarci sulle modanature magari verniciate.
    ciao

    Mi piace

    • Marica ha detto:

      Buongiorno a tutti e grazie di cuore a tutti per il grande aiuto vicendevole.
      Per Paolo, ti dico cosa mi hanno risposto ieri alle tue stesse domande:
      Per la detrazione di 0.2 dei lamierati contigui in sostituzione – se li trovi già abbinati nei tempi non devi sottrarre nulla, altrimenti si.
      Per l’aggiunta di alzacristalli elettrici, chiusura centralizzata, regolazione retrovisore e quant’altro si devono aggiungere tali tempi, magari alla fine di tutto scrivi ogni singola voce.
      Per favore correggetemi se sbaglio.
      Ho alcune domande dello scorso anno a cui non so rispondere. Per caso vi siete già scambiati informazioni simili in modo da non essere ripetitiva?
      Grazie ancora a tutti

      Mi piace

  16. filipp ha detto:

    Domande interessanti paolo.. anchio ho qualche dubbio a proposito

    Mi piace

  17. Gaetano ha detto:

    Scusate, ma in caso di perizia per differenza d valore, non va calcolato anche il F.R.A.M.? Mi viene il dubbio, perche non l’ho visto inserire a nessuno nelle spese accessorie relative alle perizie che avete precedentemente postato.Qualcuno mi puo’ darmi un dritta?
    Grazie mille e in bocca al lupo a tutti.

    Mi piace

  18. DANIELE ha detto:

    MA CI DARANNO UN MODULO DI BRUTTA ???
    O FOGLI X I CALCOLI ??

    PER QUANTO RIGUARDA I TEMPI AGGIUNTIVI PER ESEMPIO ALZA CRISTALLO ELETTRICO O CHIUSURA CENTRALIZZATA…MACCHINE CHE AD ESEMPIO LI HANNO DI SERIE COME PUO’ ESSERE L AUDI DELLA PERIZIA DELLO SCORSO ANNO ….. QUESTI TEMPI SONO GIA INCLUSI NEL TEMPO IMPOSTO PER LA SOSTITUZIONE,CIOE’ NON SONO DA CONTEGGIARE DICO BENE?

    Mi piace

  19. fabrizio ha detto:

    Tra le perizie all esame c era una nissan quasqai da sostituire porta e parafango post. Ma nel tempo dell aggregato porta-parafango
    era incluso lo sr de fisso?

    Mi piace

    • antonio nazzaro ha detto:

      anchio ho avuto quella macchina tu che hai fatto l’aggregato hai fatto bene ma dovevi conteggiare il vetro fisso con una maggioranza del 0,5/ sullo stacco e riattacco

      Mi piace

  20. paolo ha detto:

    anch’io avevo quella,io oltre all’aggregato ho inserito lo sr del fisso 1,50,sf porta e portello ,poi ho considerato la geometria ruote post. visto che l’urto ha interessato l’asse post. poi notavo delle leggere incisioni sul paraurti post. ed era anche un po piegato dalla deformazione del parafango e ho aggiunto 1,3 di ve,l’andamento secondo me era postero anteriore a me la perizia e uscita 2400 iva esc.
    altri hanno fatto questa?

    Mi piace

  21. Pasquale P. ha detto:

    Ciao a Tutti i Reduci della estenuante prova di ieri.
    Ho saputo che c’erano due Nissan Qashqai, quindi prima di dare valutazioni e giudizi, si prega di precisare il modello, il colore o il codice della prova, la mia era la Nissan Q. 1500 d colore bianco, buono stato, pneumatici all’80% e 18.000 Km.
    I danni visibili nelle foto, di cui bene evidenziati i particolari danneggiati del parafango e porta. Smentisco quindi qualsiasi intervento sul paraurti post. per niente interessato al danno (parlo di questa perizia). Paolo, (ammesso che stiamo parlando della stessa perizia) l’andamento del danno era antero/postero (e non il contrario come tu dici)con punto di applicazione sulla semi-mezzeria sinistra, terzo/terzo,in particolare tra la porta post sx e parafango post sx. Infatti si evidenziava la lacerazione del parafango proprio in quel punto, con uno schiacciamento, ciò non poteva avvenire con un andamento postero antero, un altro segno, a conferma di ciò che dico sta proprio nel fatto che la potenza dell’urto inizia lì (lacerando la lamiera schiacciandola) per poi perdere di intensità terminando verso il parafango post sx, si notava il prosieguo dello strisciamento.
    Spero che tu stia scherzando quando dici che hai inserito anche la geometria delle ruote. A: non sono ne interessate e nemmeno visibili in foto, le hanno categoricamente escluse e tu che fai, le inserisci per complicarti la vita e farti giudicare?Avresti potuto metterlo se si fosse trattato di un grave urto Ortogonale, allora può darsi di si. B: il danno è tangenziale o trasversale rispetto all’asse longitudinale del veicolo, e posto in un punto alto, se ci fosse una perizia comparativa, vedremmo che quell’urto deriva da un cancello, o corpo fisso, o al massimo un veicolo alto che non può interessare gli organi meccanici.
    In quella perizia andava messo:
    Aggregato Formato da due elementi Sr:S 10,60 La:S 10,90 Ve:S 8,70
    – Sostituzione completo parafango sx versione H . Sr:0 La:0 Ve:0
    – Porta Posteriore sx Sr:0 La:0 Ve:0

    Porta ant. sx Sr:0 La:0 Ve:L/SF 1,80
    Il tempario ANIA cita: per i tempi di stacco e riattacco dei singoli lamierati esterni sono riportati i tempi di stacco e riattacco di tutti i particolari di carrozzeria, parte elettrica,, di selleria,ecc… che interferiscono con le operazioni di sostituzioni.(andate a leggere per un confronto di ciò che scrivo)
    Poi ci sta un bel Nota Bene (N.B.) che cita:
    N.B.
    Per le versioni allestite con i particolari sotto descritti i tempi di S.R. Vanno Aumentati per ogni singolo lamierato interessato di :
    alzacristallo elettrico ore 0,5
    chiusura centralizzata ore 0,3
    retrovisore esterno reg.elettr. ore 0,3
    cristallo fisso su parfango fiss. a colla se riutilizzato 0,3
    e altre voci che in questo caso non ci interessano.
    Quindi alla perizia andava aggiunto
    Supplemento alz. cristalli elettrici : Sr:0,50
    Supplemento chius. centralizz. : Sr:0,30
    Supplemento vetro fisso su parafango fiss. a colla : Sr: M 1,50 (il suo tempario riportava questo e cmq non fa errore)
    Kit Colla fiss. vetro. era di 33,58 euro. (costo del suo tempario)
    Pezzi di ricambio : Parafango : 383,99; Porta post. sx: 346,36 e kit. colla: 33,58 Totale 763,93
    Totale Tempi : Sr : 12,90; La:10,90; La:10,50
    Supplemento doppio strato ore 1,57
    Supplemento finitura ore 1,20
    Supplemento aggiunto per verniciatura ore 1,60
    Totale tempi supplementari ore 4,37
    Totale tempi verniciatura ore 14,870
    Materiale di consumo : 10×14,87=148,70
    Manodopera di carrozzeria: 38,670×30= 1.160,10
    Totale stima: 2.072,73
    Ora che qualche PERITO ESPERTO mi corregga, dare la sfumatura al portellone posteriore sarebbe stato troppo (se non addirittura duplicare i tempi), in quanto la vernice è in ottimo stato e rientra nella procedura di finitura, pulizia e ceratura. Inoltre vi è il lunotto che occupa il 70% dello spazio e il poco lamierato di confronto non può includere una sfumatura completa di questo particolare o al massimo dare il minimo, anche se, ripeto, una buona finitura basta e avanza per conformare i lamierati con vernice in ottimo stato, tra l’altro del colore bianco nemmeno metallizzato o di altre tinte particolari.
    Il paraurti posteriore non è interessato, non va sfumato, in quanto essendo un particolare in plastica la sfumatura non è prevista.
    Convenite con me che l’ossatura interna interno porta o come volete chiamarlo) la verniciatura è già prevista nei tempi degli aggregati? Ieri qualcuno ha inserito anche questo.
    Io credo di si, in quanto il programma che uso, se inserisco in sostituzione questi particolari aggregati e dopo metto sfumatura di qualsiasi entità dell’ossatura vano porta, nei tempi mi da Sempre ZERO, questo perché è già incluso. Mentre se tolgo la sostituzione degli aggregati per poi rimettere solo l’ossatura, i tempi di verniciatura compaiono.
    Aspetto delle vostre gradite considerazioni in merito.
    Grazie a tutti

    Mi piace

  22. Luca ha detto:

    Il test e’ stato scandaloso, domande che per l’attività di perito non servono a nulla e poi qualcuno mi deve venire a spiegare perché la commissione era di Roma? Siamo alle solite, non si premiano i più bravi a i più raccomandati

    Mi piace

  23. filipp ha detto:

    Ragazzi un dubbio su 3 domande
    1. Tempo calotta in vernice diversa
    2. Energia cinetica rispeto velocita
    3. Organo di raffreddamento ad aria

    Mi piace

  24. Barone ha detto:

    Anche io avevo quella della nissan qashqai e sinceramente ho inserito la sostituzione del parafango posteriore sx completo, lo stesso e riattacco del cristallo fisso parafango posteriore da riutilizzare, la riparazione media della porta posteriore sx (dato che dalla documentazione fotografica allegata secondo il mio parere non si rilevano elementi validi per la sostituzione come lacerazioni o strutturali ed in particolare la foto numero 6 era sfocata e non messa a fuoco ) e la sfumatura della porta anteriore sx.
    In tutto risultava una perizia di 1600 euro circa e 5 giorni di fermo tecnico.
    Attendo vostre considerazioni e/o commenti per la stessa perizia.
    Grazie

    Mi piace

  25. valerio ha detto:

    Per caso nessuno ha tutte le domande in modo tale da confrontarci 🙂

    Mi piace

  26. Nicola ha detto:

    Ciao ragazzi,allora siamo pronti per parlare del dopo esame CONSAP 2013?
    Molti di voi sanno che ho fatto ricorso al TAR in quanto l’anno scorso ho superato abbondantemente i quiz, ma non la perizia,e a mio avviso, il metodo di valutazione che usano è davvero discutibile.Altro che soggettività, sulla correzzione della perizia mi hanno fatto notare anche qualche errore di addizzione,inoltre il cofano (della Audi A6) che per me era tecnicamente riparabile per loro no e mi hanno tolto la bellezza di altri 20 pt. Vabbè, onde evitare e rischiare di perdere il ricorso, ho svolto anche quest’anno la prova.
    Ne vogliamo parlare?
    Inizio per dire che la CONSAP era solo figurativa, ma alla fine c’è sempre è solo la ex ISVAP (ora IVASS), commissione Romana, la solita pastetta di conoscenti e sorrisini vari che chi ha studiato e si è fatto mille e più Km, un pò gli rode…ma vogliamo passare oltre e parlare solo della prova?
    Come ho scritto qualche tempo fa, si vocifera che a breve uno dei requisiti per l’ammissione alla prova è possedere una Laurea almeno triennale, oltre al tirocinio più serio e controllato e non come adesso…ci siamo capiti, vero? Ok!
    Perchè dico questo? Semplice, perchè i quiz hanno già questo orientamento, in quanto alcune domande (non tutte a dire il vero) presentavano domande a dir poco complicate e poco hanno a che vedere con le mansioni di perito assicurativo. Da una parte, se l’orientamento Europeo sta andando verso questa direzione è giusto che l’Italia si allinei, ma almeno ditelo subito, così un ragazzo o un signore di mezza età, nemmeno ci va a “perdere tempo”. Sottolineo, alcune domande, in quanto la maggior parte, devono far parte del bagaglio culturale e di conoscenza del perito. Se si è chiamati a fare una CTU e in uno dei quesiti ci sta : risponda il CTU la velocità del veicolo “A”; risponda il CTU se la deformazione della lamiera è coerente con l’urto con il muretto del sig. “X” e via dicendo, vi assicuro che dovreste avere molte più consocenze di quanto indicate nei quiz. Ma io non voglio fare il CTU, risponde qualcuno! Ma siccome l’abilitazione al Ruolo è universale, non possono fare una prova di idonietà per i solo periti meccanici, poi navali,poi aereonoautici, poi solo di auto ecc. A queste categorie si accede tramite esami alle Camere di Commercio (albi speciali) che è diverso dal Ruolo Nazionale dei Periti Ass. MOLTO DIVERSO!
    Ad ogni modo, rispetto a qualche anno fa, sono più fiducioso, so di aver risposto bene, facendo la peggiore delle ipotesi, ad almeno una sessantina di domande, per stare tranquilli, basta rispondere correttamente a 58 domande, dico 58 calcolando che le restanti 22 le avete sbagliate tutte e vi hanno detratto -0,10 su ogni risposta che, se la matematica non è un opinione, dovreste sbagliarne 12 per togliere il punteggio di una corretta. Non rispondere è un mossa soggettiva, sapendo che hai sempre e solo zero e la certezza che hai risposto correttamente a 56 domande. La questione è, si è sicuri di aver risposto correttamente a 56 domande? Mentre dando una risposta, bene o male, una opportunità su tre te la giochi, ovvio che se proprio non la sai, pazienza, lasciala in bianca…però la tentzione di rispondere ci sta sempre…non si tratta di strafare, ma di avere qualche opportunità e se la statistica è una scienza esatta, su 22 che non sai e le rispondi anche ad occhi chiusi stai sicuro che almeno due o tre le becchi corrette. Questa è, rispondendo a chi dice di non rispondere, la differenza tra il rispondere e non, ossia avere qualche possibilità in più rispetto allo zero.
    Bravo a Pasquale, anche io avevo quella macchina, praticamente abbiamo fatto le stesse valutazioni. Anche io non inserito il sottoporta, credo sia incluso nei tempi.

    Mi piace

  27. Fabiola ha detto:

    Ragazzi mi sono appena iscritta al sito, l’ho scoperto solo ieri e mi dispiace! Alcune cose che ho letto mi avrebbero aiutata ad affrontarlo in modo diverso… purtroppo nella perizia mi sono fatta prendere dal panico, io avevo la Nissan Micra rossa. Speriamo bene!

    Mi piace

  28. fabrizio ha detto:

    Pasquale anch’io avevo la Nissan come la tua,anch’io ho messo antero post. in quando dalla fotografia del particolare della porta aperta si notava che l’osatura interna del parafango ant. era spostato verso ant. quindi ho dedotto che la comrpessione e avvenuta da post a ant. poi ho notato che la porta da una foto in diagonale dava segno di compressione da post. e restava est. rispetto al parafango. come spieghi il danno alla maniglia porta? da ant. a post secondo me non poteva danneggiarla perche deduco ad un urto diretto con uno spigolo ant. di un veicolo che proseguendo la marcia non avrebbe interessato la maniglia.per la geometria ruote nello studio dove lavoro e quasi sempre considerata quando vi e’ la sostituzione di un parafango ant. e post. ,a parte che la carrozzeria la esegue per sicurezza,magari come dici tu pero’tecnicamente non necessaria ma credo difficilmente contestabile perche l’impatto con il solo pneumatico in certe situazioni non e da escludere(anche senza danni a cerchi mi e capitato che urti diretti su pneumatici piegassero il ponte post. non in questo caso ma la geometria anch’io dico di si anche perche se la riterrebbero non necessaria credo nno sia un gand errore)io come sf ho dato la porta tot. e parziale il portello post,anch’io ho notato sul paraurti post. una leggera incisione,l’ho guardato parecchio non vorrei fosse un riflesso di luce,ho considerato comunque la ve sia per questo sia per il fatto che mi dava l’impressione dalla fotografia che si fosse incrinato dovuto alla deformazione del parafango,il totale a me e’ uscito 2300 ciao Fabri

    Mi piace

  29. fabrizio ha detto:

    scusa ho scritto male all’inizio postero anteriore

    Mi piace

  30. filipp ha detto:

    Ragazzi la risp del tempo della calotta in tinta diversa qual era?????

    Mi piace

  31. Pasquale ha detto:

    Che dirti Fabrizio, aspettiamo altre considerazioni. Però scusate, avete dato , o meglio abbiamo dato, la sostituzione del parafango completo sx TUTTI in quanto era evidente lo schiacciamento e la lacerazione e questo non è in discussione, giusto? Ora mi spiegate come fa a lecerarsi in quel punto con andamento postero/antero come voi dite? Vorrei un disegnino di come proporreste questo andamento con il punnto di applicazione e dovete anche scriverlo. Come può un urto essere leggero nel suo punto d’impatto strusciando quindi il parafango, per poi aggravarsi tra la modanatura e il parafango lacerandolo? Scusate, Ma così proposto, va contro ogni logica di cinematica e ricostruzione dei sinistri stradali. Come hai fatto a vedere che l’ossatura interna era postero/antero? Lo spostamento del lamierato della porta va giustificato proprio dalla direzione e verso dell’urto. Il lamierato in quel caso ha subito una Entroreflessione e ti leggo la definizione (non l’ho scritto io, ma lo trovi a pag.269 del libro egaf)è una deformazione , opposta al rigonfiamento, nella quale il lamierato subisce un piegamento interno della forma originale. La forza d’urto applicata al lamierato è angolata fino a determinare (complice anche la nervatura originale del lamierato)il rientro della sagoma. Anagolmante lo schiacciamento, sono danni formati da urti angolari di tipo trasversali, tangenziali eccentrici, ecc.
    Non per sostenere la mia tesi, ma credo anche che far ripristinare le geometrie delle ruote su un danno così (non strutturale), solo perchè si è sostituito il parafango, sembra una motivazione alquanto contestabile. Ripeto, l’avrei accettato se l’urto fosse stato ortogonale con maggior parte coinvolta della struttura ossea. Infatti dei danni che citi, parla di urti su ruote. Guarda proprio adesso ho una perizia di una Mazda che ha subito un urto trasevrsale sull’anteriore destro, dalle foto si evince che la gomma a terra e il cerchio strusciato,sono coninvolte anche loro, allora è ovvio che devi mettere la sostituzione della gomma, rettifica cerchio ed equilibratura e convergenza che include un controllo sulle geometrie e di ulteriori parti quali snodi, tiranti danneggiati.Vabbè poi vedremmo cosa ci diranno…intanto aspettiamo anche altre valutazioni.

    Mi piace

  32. africa ha detto:

    ciao ragazzi ha chi è capitato la nissan micra rossa? per filipp says la risposta per la calotta in tinta divera è 0.40……

    Mi piace

    • Fabiola ha detto:

      Io avevo la nissan micra rossa ed ho preferito non mettere il sec xchè secondo me il parafango post dx non era da sostituire, vorrei confrontarmi con qualcuno…

      Mi piace

  33. africa ha detto:

    ma i risultati dell’esame saranno tra un paio di mesi? vero?

    Mi piace

  34. fabrizio ha detto:

    ciao Pasquale….ma tu la maniglia porta post. l’hai considerata? a me e quella che mi ha condizionato essendo arretrata rispetto al danno…vediamo se altri avevano la nissan q. colore bianco km 18000 danno applicato alla parte post. sx.

    Mi piace

  35. Barone ha detto:

    Vorrei sapere come avete giustificato/motivato la sostituzione della porta posteriore nella perizia della nissan dato che dalle foto non vi erano segni di lacerazione e/o danni strutturali ma sono leggere introflessioni della lamiera. Il vero danno, a mio parere, era sul parafango posteriore dato che dalla foto con la porta aperta si vedeva benissimo l accartocciamento nonchè la lacerazione dello stesso.
    Per quanto riguarda il cerchio, il parasassi, il sottoporta non si vedeva niente dalle foto…..era tutto annerito anche a causa del colore bianco della vernice dell’auto.
    Per quanto attiene invece la maniglia della porta posteriore era leggermente scalfita ma sicuramente tale danno non era ricodubile allo stesso sinistro giacchè l’altezza di tale danno era maggiore rispetto a quella evidente sul parafango/porta.
    Grazie sempre ed in bocca al lupo a tutti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: